STATUTO ASSOCIAZIONE

“ADBC Il luppolo – Associazione Degustatori Birra Campani”

Art. 1 – Definizione e Oggetto

E’ costituita ex art. 36 e segg. C.C. un’Associazione denominata “ADBC Il luppolo – Associazione Degustatori Birra Campani”, di seguito definita “ASSOCIAZIONE”.

L’Associazione ha per finalità quella di educare al consumo della birra e della sua degustazione, con particolare riguardo alla formazione professionale di sommelier, attraverso appositi corsi di formazione, all’organizzazione di manifestazioni fieristiche specializzate ed interessanti in modo particolare la produzione della birra artigianale, all’edizione di riviste specializzate del settore, alla costituzione di marchi di qualità, a tutte le altre attività attinenti, conseguenti e similari e comunque collegate alle finalità di cui al presente articolo.

Art. 2 – Sede

L’ASSOCIAZIONE ha sede legale in Via V. Veneto, SAN MARZANO SUL SARNO (SALERNO)

L'associazione ha sede SEDE OPERATIVA presso il Birrificio Kasperl Bräu Via Filettine, 211 84016 Pagani (SA) 

Art. 3 – Attività

Per il perseguimento dello scopo l’associazione compie indicativamente e non tassativamente le seguenti attività:

Organizzazione di corsi professionali e attività similari;
Organizzazione di manifestazioni fieristiche specializzate e/o aperte al pubblico nel settore della birra e affini;
Pubblicazione di riviste specializzate nel settore della birra e affini anche per quanto di attinente all’interesse dei consumatori;
Attività pubblicitaria e/o promozionale,
Può costituire e/o partecipare a società con partecipazione azionaria paritaria dei soci fondatori;
Può compiere inoltre tutte le altre attività, anche commerciali, direttamente o indirettamente collegate allo scopo e al suo perseguimento.

Art. 4 – Soci

Possono essere soci dell’associazione i produttori di birra artigianale, enti pubblici o privati, soggetti pubblici o privati, singoli e/o associati, interessati o interessanti al settore considerato.

Gli espositori alla manifestazione specializzata sono considerati associati di diritto.

Gli iscritti ai corsi di formazione professionale per l’attività di sommelier o altri similari sono considerati associati di diritto.

Il Comitato Direttivo valuta i requisiti di professionalità per l’ammissione all’associazione che costituisce anche marchio di qualità, una volta e se ottenute, le eventuali autorizzazioni di legge all’associazione medesima.

Art. 5 – Quote associative

Il Comitato Direttivo fissa l’ammontare della quota associativa per i soci generici e non partecipanti alle manifestazioni e ai corsi professionali.

Il Comitato Direttivo può deliberare deroghe con adeguata motivazione.

Per gli espositori la quota associativa è costituita dalla quota di partecipazione alla manifestazione anche se corrisposta all’ente fieristico proprietario del quartiere.

Art. 6 – Cariche sociali

Sono eleggibili alle cariche sociali tutti i soci, fatta salva deroga del Comitato Direttivo, che possono accedervi purché siano stati ammessi da almeno due anni.

Le dimissioni da cariche sociali dovranno essere date per iscritto e non avranno effetto che dal momento dell’accettazione da parte dell’organo di cui fa parte il dimissionario.

Gli organi ricoprenti le cariche sociali resteranno in carica, indipendentemente dalla durata, fino alla nomina degli organi successivi.

Le cariche sociali non danno diritto a corrispettivo, ad eccezione del rimborso spese sostenute, che può essere anche forfetariamente determinato per impegni di carattere permanente.

Art. 7 – Patrimonio

Il Patrimonio dell’ASSOCIAZIONE è costituito da beni mobili e immobili che comunque le pervengono, per effetto di acquisti, donazioni, legati, successioni ovvero somme accantonate a qualsiasi scopo.

Art. 8 – Entrate

Le entrate dell’ASSOCIAZIONE sono costituite dall’ammontare dei contributi ordinari e straordinari dei soci, dai corrispettivi resi ai soci o ai terzi e da qualsiasi diverso titolo, purché quest’ultimo non sia in contrasto con le vigenti norme di legge.

Art. 9 – Esclusione e recesso dei soci

Il socio può recedere in ogni momento mediante richiesta scritta inoltrata al Presidente a mezzo del servizio postale.

I soci possono anche essere esclusi di diritto per il mancato pagamento, entro sei mesi dalla scadenza, della quota annuale di iscrizione, il cui ammontare viene determinato dall’Assemblea.

Il Comitato Direttivo può deliberare l’esclusione dei soci ordinari per i seguenti motivi:

inosservanza dello Statuto.
Inottemperanza alle deliberazioni degli organi sociali;
I soci fondatori non possono essere esclusi dall’Associazione.

Art. 10 – Organizzazione

Gli organi dell’Associazione sono:

l’Assemblea;
il Comitato Direttivo
il Presidente;
il Segretario Generale;
Art. 11 – Assemblea

L’Assemblea è convocata dal Presidente, su deliberazione del Comitato Direttivo, oppure su richiesta dei soci fondatori.

La convocazione è fatta via fax al domicilio dei soci almeno dieci giorni prima dell’adunanza, ovvero mediante pubblicazione sull’organo di stampa dell’Associazione o similare.

In caso di urgenza l’Assemblea è convocata via fax tre giorni prima dell’adunanza.

L’Assemblea si aduna in una sola convocazione. L’Assemblea:

elegge ogni cinque anni il Comitato Direttivo;
elegge ogni cinque anni il Presidente
elegge ogni cinque anni il o i Vice-Presidente, se previsti, che sostituiscono il Presidente in ogni sua funzione in caso di sua incapacità ovvero assenza dall’Italia;
elegge ogni cinque anni il Segretario Generale;
approva la relazione del Presidente;
approva il bilancio consuntivo ed il bilancio preventivo redatti dal Comitato Direttivo;
delibera l’indirizzo generale dell’attività dell’ASSOCIAZIONE;
delibera le modifiche statutarie;
delibera su tutti gli argomenti posti all’ordine del giorno nell’avviso di convocazione, non potendo validamente deliberare sugli altri;
delibera lo scioglimento dell’ASSOCIAZIONE;
Le delibere di cui ai punti 1,2,3,4 e 5 necessitano, per avere efficacia, del voto favorevole dei soci fondatori.

L’Assemblea, validamente costituita, in prima convocazione con le maggioranze previste dal Codice Civile, in seconda convocazione qualunque sia il numero dei partecipanti, delibera a maggioranza assoluta dei presenti al momento del voto. Le delibere riguardanti le modificazioni statutarie e lo scioglimento dell’ASSOCIAZIONE necessitano della maggioranza dei quattro quinti dei presenti e del voto favorevole dei soci fondatori.

Hanno diritto di partecipare all’Assemblea tutti i soci, purché in regola col pagamento della quota annuale di iscrizione, fatte salve deroghe decise dal Comitato Direttivo, per quanto concerne il pagamento della quota.

I soci assenti possono delegare altro socio a rappresentarli nelle votazioni assembleari, purché la delega sia conferita per iscritto e ciascun socio presente non venga delegato da più di due soci assenti.

Art. 12 – Convocazione degli altri organi

Il Comitato Direttivo è convocato dal Presidente ovvero dalla maggioranza dei loro membri.

Le convocazioni vanno effettuate con inviti scritti recapitati via fax almeno cinque giorni prima dell’adunanza, senza necessità di indicare l’ordine del giorno.

Gli organi sono in grado di deliberare validamente anche senza necessità di convocazione, se siano presenti tutti i loro membri; deliberano in ogni caso col voto favorevole della maggioranza dei presenti.

Art. 13 – Comitato Direttivo

Il Comitato Direttivo dura in carica cinque anni ed è composto da un numero dispari di membri fino ad un massimo di sette, secondo la deliberazione di nomina; tra i membri sono compresi il Presidente, il Vice-Presidente, il Segretario Generale e i soci fondatori; nel caso ne ricoprano le predette cariche.

I membri devono essere soci e sono rieleggibili, potendo essere revocati prima della scadenza del mandato dell’Assemblea soltanto per giusta causa, fatti salvi i soci fondatori.

Il Comitato Direttivo:

emana le norme regolamentari sulla formazione e sui procedimenti elettorali per la costituzione degli organi sociali;
provvede all’attuazione delle deliberazioni dell’Assemblea;
redige il bilancio preventivo e consuntivo;
designa i rappresentanti dell’Associazione negli organismi nei quali questa fosse chiamata ad indicare membri;
adempie a qualsiasi mandato gli venga affidato dell’Assemblea;
delibera la costituzione di società e/o la partecipazione in altre società nel rispetto di quanto previsto all’art. 3 punto e) dello Statuto;
compie comunque tutte le attività di cui all’articolo 1 e 3 dello statuto;
Il Comitato Direttivo è convocato almeno una volta a semestre.

Art. 14 – Presidente

Il Presidente è eletto dall’Assemblea, dura in carica cinque anni, è rieleggibile.

Il Presidente presiede l’Assemblea, il Comitato Direttivo, impartisce gli orientamenti per l’attività generale dell’ASSOCIAZIONE.

Rappresenta in giudizio l’Associazione e risponde delle obbligazioni assunte dall’Associazione con suo voto favorevole.

Firma i contratti e impegna l’Associazione nei confronti di terzi.

Art. 15 – Segretario Generale

Il Segretario Generale coordina le attività dell’ASSOCIAZIONE, predispone il programma annuale per il Comitato Direttivo, cura e gestisce le azioni di cui agli articoli 1 e 3 dello statuto.

Art. 16 – Scioglimento

Nell’ipotesi di scioglimento, l’Assemblea dovrà nominare due liquidatori che provvederanno alle incombenze del caso congiuntamente, devolvendo il patrimonio a scopi di sostegno del settore o di settori affini.

Art. 17 – Regolamentazione non prevista

Per tutto quanto non previsto dal presente statuto si applica la normativa in tema di associazioni non riconosciute ex art. 36 del Codice Civile.

Il presente Statuto, allegato dell’atto costitutivo, quale sua parte integrante, viene sottoscritto dai soci fondatori.

ADBC Il luppolo